Ufficio di Roma - Rome Office


Il futuro del budget UE

Il futuro del budget UE


La scorsa settimana, il Parlamento Europeo ha approvato Oliver Varhelyi come nuovo commissario ungherese. La mossa ha portato a termine un accordo tra i gruppi politici del Parlamento, i governi degli Stati membri e il futuro presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, sul personale chiave dell'organo esecutivo dell'Unione Europea per i prossimi cinque anni.

Tuttavia, le parti avranno appena il tempo di riprendere fiato e riunirsi prima di lanciarsi nella prossima grande discussione: trovare un compromesso sul bilancio dell'UE per il periodo 2021-2027. Se negli ultimi mesi i dibattiti sulla Commissione sono sembrati tesi e complessi, forse si trattava solo di un assaggio di ciò che verrà, perché tutte le dichiarazioni di intenti su un'"Unione più ambiziosa" non significheranno nulla se non ci saranno dei soldi dietro questa ambizione.

Per quanto tecnica possa essere, la discussione sul prossimo Quadro Finanziario Pluriennale (QFP) ha a che fare con il tipo di Unione Europea che gli Stati membri vogliono. Mentre alcuni leader miravano a raggiungere un accordo sul QFP prima delle elezioni del Parlamento europeo del maggio 2019, le differenze tra gli Stati membri si sono rivelate troppo grandi per colmare il divario, così hanno rimandato la discussione fino a quando la nuova Commissione non si sarebbe istituita.

Ma ora c'è pressione per trovare rapidamente un accordo. Per Von der Leyen, la pressione deriva dal fatto che la mancanza di un accordo sul QFP limiterebbe la capacità della nuova Commissione di attuare il suo programma a partire dal 2021. Ciò sarebbe imbarazzante e frustrante per un organismo che ha promesso una nuova UE più politica, e che risponde al mandato ricevuto dagli elettori nelle elezioni del maggio 2019. La Commissione ha bisogno di un bilancio che le consenta di investire nel futuro dell'Unione.

Il presidente francese Emmanuel Macron cerca un accordo sul QFP con una forte componente agricola da vendere ad un pubblico nazionale prima delle elezioni comunali francesi del marzo 2020. Come dimostra la recente volontà di bloccare i progressi sull'allargamento dell'UE e di mettere in discussione i pilastri della sicurezza europea come la NATO, Macron non permette alla sua retorica sulla costruzione dell'Europe qui protégé di impedirgli di usare tattiche di arresto a livello europeo, se ritiene che ciò possa provocare una risposta favorevole da parte degli elettori francesi.

La priorità fondamentale per gli altri paesi nel dibattito sul QFP non è rappresentata nel calendario, ma dalla natura dell'accordo. Per gli "amici della coesione", un gruppo di 16 Stati membri dell'UE, tra cui i paesi del Visegrád, ciò significa investimenti significativi nei fondi strutturali e di coesione; per i nuovi Stati della Lega anseatica, significa restrizioni sull'entità complessiva del bilancio in percentuale del reddito nazionale lordo.

Con tutte le parti in causa con opinioni così radicate, nella prossima fase delle discussioni non sarà d'aiuto che molti governi si sentono straziati dall'ultimo ciclo di negoziati sulla Commissione. Tuttavia, è probabile che, dall'inizio del 2020 in poi, la necessità di prendere una decisione comincerà probabilmente a focalizzare l'attenzione sull'inevitabilità del compromesso. Fino ad allora, la Presidenza finlandese ha un compito difficile: deve presentare un quadro per il compromesso all'ultima riunione del Consiglio europeo di dicembre, prima di affidare la responsabilità di trovare un accordo a Charles Michel nel suo nuovo ruolo di presidente del Consiglio.

Per esplorare cosa tutto questo significherà per l'Unione europea in quanto attore globale, ECFR e l’European Think Tanks Group hanno organizzato una discussione a Berlino. Vi è il forte rischio che, nell'ambito della più ampia discussione sull'entità complessiva del bilancio e dei contributi alla spesa all'interno dell'UE, si verifichi un calo nell'allocazione degli investimenti esteri da parte del blocco. Secondo l'attuale proposta della Commissione europea, l'UE destinerebbe 123 miliardi di euro al suo vicinato e al resto del mondo. Tale stanziamento comprende almeno tre innovazioni nell'ultimo QFP. La proposta combina gli strumenti di vicinato e di investimento estero in un unico strumento (noto come strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale, o “NDICI”) e stabilisce il bilancio del Fondo europeo di sviluppo. Si prevede inoltre che il 10% di questo fondo sarà speso per progetti che contribuiscono ad affrontare le "cause profonde della migrazione". Tutti e tre questi cambiamenti hanno suscitato un dibattito nella comunità politica sul ruolo globale dell'UE.

Tuttavia, finora, non c'è stato un grande dibattito sulla dimensione del NDICI del bilancio tra gli Stati membri. La parte impegnativa di questo aspetto del bilancio è che è improbabile che riceva molta attenzione nei negoziati sul QFP. L'idea che l'UE deve costruire la sua sovranità strategica sta acquistando slancio nelle capitali nazionali e a Bruxelles, con Von der Leyen che, nelle lettere di missione, richiedeva una "commissione geopolitica". Ma, in una recente indagine ECFR sugli atteggiamenti nei confronti dei negoziati sul QFP tra i policymakers negli Stati membri dell'UE, solo quattro paesi hanno dichiarato di avere un forte interesse per l'assegnazione degli aiuti esterni, mentre nessuno ha dichiarato di avere un molto forte interesse per gli aiuti esterni. (In confronto, 19 paesi hanno un forte o molto forte interesse per i fondi di coesione, e 20 un forte o molto forte interesse per la politica agricola comune.) Il ruolo globale dell'UE è importante per gli Stati membri, ma investire in essa non è la massima priorità dei leader politici.

Al contrario, questo ruolo è di grande preoccupazione per gli elettori. Secondo un sondaggio ECFR/YouGov condotto su larga scala nel gennaio 2019, gli elettori europei hanno identificato la capacità dell'UE di agire come un blocco in un mondo di potenze di dimensioni continentali come una delle maggiori perdite se l’Unione dovesse crollare (dopo la perdita della capacità di vivere, commerciare e lavorare in altri Stati membri dell'UE e la perdita dell'euro).

I leader europei dovrebbero tenere conto di questo messaggio mentre si dirigono verso la prossima tornata di negoziati sul QFP. L'ambizione dell'UE di puntare in alto nella geopolitica non è necessariamente solo un lusso che può essere sacrificato in favore di altri settori di spesa, ma informerà la percezione degli elettori della performance del blocco nei prossimi anni.

L'apparente urgenza , come le sovvenzioni garantite per gli agricoltori francesi, non dovrebbe sempre precedere ciò che è importante: la capacità a lungo termine dell'Europa di difendersi in un mondo competitivo. Lo sforzo per trovare il giusto equilibrio tra queste pressioni è il compito più difficile che i governi dell'UE devono attualmente affrontare. Se riusciranno in questo intento, potrebbero persino andare oltre le ambizioni della proposta della Commissione di creare un'UE che raggiunga più di quello che gli europei vogliono veramente.