Ufficio di Roma - Rome Office


Una classe politica italiana distratta

Una classe politica italiana distratta

. (cropped) - CC BY 2.0

I problemi in Libia tengono svegli i leader italiani. Roma vede nella recente ondata di violenza che ha destabilizzato il Nord Africa fattori che colpiscono non solo l'Italia ma tutta l'Europa - non da ultimo a causa delle conseguenze sulla migrazione. Fayez al-Sarraj, attuale primo ministro libico e capo del Consiglio di presidenza, sostiene che circa 800.000 persone nel suo paese - alcune delle quali terroristi - sono pronte a partire per l'Europa.

L'intensificarsi del conflitto libico ha avuto due importanti effetti sulla politica e sulle politiche italiana. Il primo è rappresentato dal rinnovato impegno di Roma per un forte e multidimensionale impegno con la Libia, che ha lo scopo di aiutare a trovare una soluzione politica alla guerra e di rafforzare l'influenza italiana nel Paese.

Il secondo effetto è più visibile: l'emigrazione è diventata, ancora una volta, una questione importante per l'élite politica italiana. Dopo essere stata in qualche modo messa in secondo piano negli ultimi mesi dai rumorosi accordi economici sino-italiani e dalla preparazione tattica per le elezioni del Parlamento europeo del maggio 2019, la questione è ancora una volta - come è stato per la maggior parte dell'ultimo anno o più - il campo di battaglia chiave per i partiti politici italiani. Il vice Premier Matteo Salvini, leader della Lega di estrema destra, ha riaffermato il suo impegno a chiudere i porti italiani ai migranti, con una forte opposizione del Movimento Cinque Stelle, partner di governo, e del partito democratico che lo identifica come isolazionista. Nel frattempo, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha cercato di fungere da intermediario neutrale con l'obiettivo di evitare che l'ostilità sulla questione immigrazione alimenti una nuova crisi umanitaria e di mantenere gli Stati Uniti impegnati nel porre fine al conflitto libico.

Eppure, nonostante il clamore sull’ immigrazione, l'opinione pubblica italiana è molto più preoccupata per le questioni economiche. Secondo una nuova ricerca ECFR condotta con YouGov, il 47% degli italiani è più preoccupato per la disoccupazione, il 20% per il debito pubblico e il 16% per l'economia in generale mentre il 32 per cento percepisce l'immigrazione come una delle maggiori preoccupazioni nazionali (questa cifra sale al 53 per cento tra gli elettori della Lega).

Gli italiani hanno una percezione simile dell'Unione Europea. Solo il 15 per cento di loro vede la migrazione come una delle principali minacce per l'UE, mentre il 18 per cento lo vede nel radicalismo islamico e nazionalismo in Europa.

Tre aspetti dei risultati di ECFR/YouGov potrebbero aiutare i partiti politici italiani a comprendere il pensiero degli elettori, aiutandoli così a prepararsi per le elezioni del Parlamento europeo:

- Gli italiani - come ungheresi, rumeni, romeni, polacchi, spagnoli e greci - sono più preoccupati per l'emigrazione che per l'immigrazione. Circa il 35 per cento degli elettori italiani è preoccupato per entrambi i fenomeni, una tendenza particolarmente marcata tra gli elettori di centro-sinistra. La fuga dei cervelli è una questione particolarmente delicata in Italia perché ogni anno circa 280.000 giovani istruiti lasciano il Paese, la maggior parte dei quali per il Regno Unito e la Germania. Si tratta di una perdita considerevole per la vita intellettuale ed economica dell'Italia.

- Al contrario, Cina e Russia - frequenti fonti di competizione per il vantaggio politico tra la Lega e il Movimento delle Cinque Stelle - preoccupano rispettivamente solo il 4 per cento e l'1 per cento degli elettori italiani. Anche se i recenti accordi riguardanti la Belt and Road Initiative di Pechino hanno diviso la coalizione di governo, gli italiani non sembrano preoccupati per la prospettiva di un'invasione economica cinese. Sebbene l'opinione pubblica abbia scarso interesse per la Russia, le fazioni all'interno del governo italiano potrebbero tentare di ottenere un vantaggio politico dalla visita in Italia del Presidente russo Vladimir Putin a giugno.

- Il cambiamento climatico è entrato nuovamente nel discorso pubblico: circa il 54% degli italiani vuole che il governo affronti la questione con urgenza e solo il 18% ritiene che il cambiamento climatico non sia una minaccia reale. Questo rappresenta un cambiamento significativo, in quanto la corruzione e altre questioni economiche hanno in genere avuto la precedenza sull'ambiente. (Come si può vedere nel sostegno alla Federazione dei Verdi, che ha lavorato soprattutto a livello regionale e locale da quando è uscita dal parlamento nel 2008).

Profonda disillusione

I partiti politici italiani sono in piena campagna elettorale, come probabilmente lo sono dalle elezioni parlamentari nazionali del marzo 2018. Ciononostante, molto è cambiato nell'ultimo anno. La Lega è ora al 32,3 per cento dei voti, avendo quasi raddoppiato il sostegno; il Movimento Cinque Stelle è ora al 22,3 per cento, e compete con il rilancio del Partito Democratico, al 22 per cento, per il secondo posto; Forza Italia, all'8,4 per cento, sta lottando duramente (dati al 23 aprile).

Secondo i risultati di ECFR/YouGov, l'11 per cento degli italiani sostiene i partiti principali e non è tentato di votare per uno dei loro rivali antieuropeisti. Questo è più o meno in linea con il sostegno ai partiti tradizionali.

Solo il 9% degli italiani ritiene che il sistema politico nazionale ed europeo funzioni. Questa statistica potrebbe essere spiegata dal fatto che molti italiani ritengono che il sistema li abbia traditi, soprattutto in relazione alla previdenza sociale, all'occupazione e all'imposizione da parte dell'UE di regole fiscali che, in modo percettibile, non hanno benefici. Ciò si riflette anche nella convinzione diffusa che la vita dei loro figli sarà peggiore della loro. Quasi il 70 per cento degli italiani ritiene che la corruzione sia un problema importante nel loro paese e che il governo non abbia una vera e propria strategia per combatterla.

Inoltre, il fatto che quasi il 70 per cento degli italiani ritenga che l'Unione Europea non funzioni più è anche dovuto al fatto che sia la Lega che il Movimento delle Cinque Stelle hanno posto la battaglia per cambiare l'Europa al centro delle proprie ideologie politiche, anche se in modi molto diversi. L'elezione del Parlamento europeo è quindi estremamente importante per l'Italia e per l'Europa. È probabile che determini il futuro di Salvini come leader italiano ed europeo. Anche se ha grandi possibilità di successo elettorale a livello nazionale, sembra improbabile che raggiunga uguali obiettivi in un'Europa in cui non ha alleati influenti. Può beneficiare di un terreno comune con altri leader europei sull'obiettivo generale di cambiare radicalmente l'Europa, ma non è in grado di farlo su importanti questioni di politica europea come la Russia, le migrazioni e le riforme economiche, dove le priorità italiane divergono ampiamente da quelle di altri Stati membri.

Le elezioni determineranno anche se i partiti tradizionali tradizionali possano ritornare sulla scena. In Italia, la capacità del Partito Democratico di riprendere voti dal nucleo elettorale di sinistra del Movimento Cinque Stelle sarà cruciale per la ripresa politica dopo la discesa degli ultimi anni. Potrebbe appellarsi al cosiddetto "partito invisibile" italiano: il 46 per cento degli italiani che non intendono votare e l'8 per cento che sono indecisi.

Con il nuovo Parlamento italiano in carica da un solo anno, le elezioni di maggio 2019 rappresentano un'occasione unica per tutti i partiti italiani di plasmare il ruolo del proprio paese in Europa. Se vogliono farlo con successo, dovranno concentrarsi su una risposta alle maggiori preoccupazioni dei cittadini piuttosto che su questioni che non interessano gli elettori.