Ufficio di Roma - Rome Office


Sudan: una chance alla democrazia

Sudan: una chance alla democrazia


Il sostegno dell’UE al nuovo primo ministro del Sudan è apprezzato per affrontare le sfide urgenti della transizione politica del paese. Ma ci sarà bisogno di molto di più che le sole riforme economiche per portare pace e stabilità nel Sudan.

Durante la visita del primo ministro sudanese Abdalla Hamdok a Bruxelles all'inizio di questa settimana, l'Unione europea si è impegnata a sostenere la storica transizione politica in corso in Sudan. L’UE si prepara a garantire 100 milioni di euro al paese in occasione della prossima riunione di Friends of Sudan a dicembre. Essi cercano un maggiore coordinamento con gli Stati Uniti, la Norvegia, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca mondiale per garantire il sostegno alle riforme economiche del governo sudanese. Il Sudan ha inoltre chiesto all'UE di spingere per la cancellazione dall'elenco degli Stati Uniti dei finanziatori statali del terrorismo - una mossa che completerebbe il processo di normalizzazione tra Washington e Khartoum, facilitando così i prestiti internazionali al paese.

Hamdok deve affrontare delle sfide economiche spaventose. Dalla fine del 2017, il Sudan ha attraversato una crisi monetaria e fiscale che ha portato all'iperinflazione, al crollo del sistema bancario e alla carenza di beni di prima necessità, come il carburante. Questa crisi economica, la più profonda del Sudan degli ultimi decenni, è stata cruciale per mobilitare le forze che hanno deposto il leader autoritario Omar al-Bashir in aprile. Eppure, ora che se n'è andato e i civili sono nominalmente al comando, l'economia continua a girare a spirale. L'inflazione è diminuita, ma solo al 57%. Paralizzato dagli arretrati del debito, il Sudan non ha accesso ai fondi delle istituzioni finanziarie internazionali. Il ministro delle Finanze Ibrahim al-Badawi ha detto la scorsa settimana che il paese ha bisogno di 5 miliardi di dollari per evitare il collasso economico.

L'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno fornito un'ancora di salvezza, erogando la metà di un pagamento di 3 miliardi di dollari che hanno promesso al Sudan all'inizio di quest'anno, ma ciò non è sufficiente. I dettagli del piano economico messo insieme da Badawi, economista della Banca Mondiale, sembrano disegnati per soddisfare le istituzioni finanziarie internazionali. Il piano comprende progetti che avranno un rapido impatto, come un censimento per mappare i bisogni della popolazione con l'obiettivo di fornire posti di lavoro ai giovani, seguito dalla creazione di un programma di trasferimento di denaro per i poveri e dall'eliminazione di costosi sussidi per il carburante e il grano. L'obiettivo di Hamdok è quello di riorientare la spesa verso l'assistenza sanitaria e l'istruzione, oltre a far galleggiare la sterlina sudanese. Resta da vedere se il Sudan otterrà i fondi necessari per questo ambizioso piano. La strada per la ripresa economica del Sudan sarà lenta e difficile anche nello scenario più ottimistico.

Queste urgenti questioni economiche non devono monopolizzare l'attenzione del governo e dei suoi sostenitori stranieri. Affinché il Sudan diventi una democrazia stabile, il governo dovrà liberare lo Stato dal potere invadente dell'apparato militare e di sicurezza, il cui dominio abusivo sulla società è al centro delle proteste dell'opinione pubblica.

La questione segue Hamdok ovunque vada. Lo slogan principale della rivoluzione "libertà, pace, giustizia" può essere forte ma, nei prossimi mesi, i cittadini sudanesi che l'hanno intonato giudicheranno Hamdok sulla base del suo approccio ad alcune questioni specifiche: se Bashir, l'ex ministro della difesa Abdel Rahim Mohammed Hussein, e altri ricercati per crimini di guerra nel Darfur, saranno consegnati alla Corte penale internazionale; se la commissione d'inchiesta sul massacro di rivoluzionari a Khartoum del 3 giugno sarà in grado di svolgere il suo lavoro; se il Servizio nazionale di intelligence e sicurezza, spina dorsale del governo di Bashir, verrà riformato e ritenuto responsabile dei suoi numerosi crimini; e se le Forze di Supporto Rapido (FSR), dei cui la maggior parte dei membri sono stati reclutati dai Janjaweed che seminano il terrore nel Darfur, verranno frenate o disarmate.

È essenziale soddisfare le richieste di libertà e giustizia dei civili, ma ciò creerà uno scontro di interessi tra il governo e i capi delle forze militari, paramilitari e di sicurezza. Dato che, secondo le stime di Hamdok, il governo spende il 60-70% del suo bilancio in difesa e sicurezza, porre nuovi limiti a queste forze dovrebbe essere una priorità economica.

Purtroppo, ci sono pochi segnali che indicano che il primo ministro e la sua squadra vedano le cose in questo modo. Negli incontri privati con funzionari dell'UE e degli USA, sia Hamdok che Badawi hanno descritto l'esercito come un alleato nella transizione politica. Parlando al Parlamento europeo lunedì scorso, il Primo Ministro ha accennato che la spesa sarebbe stata deviata dalla difesa e dalla sicurezza solo quando il governo avrà raggiunto un accordo di pace con i gruppi armati delle province del Nilo azzurro, del Darfur e del Kordofan meridionale. Interrogato il mese scorso sulla sua strategia per trattare con le società parastatali legate ai servizi militari e di sicurezza che si estendono in tutti i settori dell'economia, Badawi ha risposto che la sua priorità era semplicemente quella di imporre le tasse su di loro.

Il governo ha buone ragioni per temere i generali. Hamdok è stato nominato a seguito di un accordo tra l'opposizione rivoluzionaria e il Consiglio Militare Transitorio (CMT), la giunta che ha deposto Bashir. Mohamed Hamdan Dagalo, noto come "Hemedti", guida la FSR, che ha compiuto il massacro del 3 giugno, e siede ora nel Consiglio Sovrano, i cui membri servono collettivamente come capo di Stato del Sudan.

In queste condizioni, Hamdok potrebbe essere tentato a porre rispetto ai generali, prendere la via della minore resistenza e concentrarsi su un programma economico ridotto. Ma deve soppesare i rischi di danneggiare gli ex membri del CMT contro i costi dell'inattività. Il tempo può favorire i generali, poiché Hamdok si assumerà la maggior parte della responsabilità dei problemi economici del Sudan. Gli ex membri del CMT, al contrario, hanno tutti i benefici del potere, ma poca responsabilità.  Hemedti, per esempio, usa la sua posizione nel Consiglio Sovrano per incontrare dignitari stranieri e condurre campagne di pubbliche relazioni, utilizzando di recente l’FSR per attuare un programma sanitario nell'est che ha scavalcato il Ministero della Salute.

Poiché i generali sovrintendono in larga misura ai negoziati con i gruppi armati del Nilo Azzurro,  Darfur e Kordofan meridionale, qualsiasi accordo di pace emerga dai colloqui potrebbe rafforzare l'esercito e l'FSR. Questo renderebbe il governo civile più difficile da raggiungere. Se l'economia fatica a riprendersi e Hamdok rimane poco assertivo, potrebbe trovarsi alla mercé dei generali quando la comunità internazionale smetterà di prestare attenzione al Sudan. In questo modo, perderà l'opportunità di un'autentica democratizzazione.

Pertanto, il governo dovrebbe adoperarsi per instaurare un governo civile ora che ne ha la possibilità. Essendo un tecnocrate senza base politica, Hamdok deve rafforzare la sua posizione pubblica ottenendo risultati in un'ampia gamma di settori. Adottando misure chiare in ambiti come la giustizia e il governo civile, egli potrà fare in modo che il popolo sudanese rimanga paziente con il governo anche se non verranno registrati progressi sulle questioni economiche. Finché il mondo presta attenzione al Sudan, Hamdok potrebbe essere in grado di affermarsi senza che gli ex membri del CMT, in particolare Hemedti, tentino un colpo di stato.

Questo richiederà abilità e progressi cauti. Ma gli eventi degli ultimi sei mesi hanno dimostrato che i generali cederanno il potere solo sotto pressione. Dopo mesi di intransigenza e la repressione del 3 giugno, il CMT alla fine ha accettato un compromesso perché sotto pressione della mobilitazione popolare in Sudan, così come degli Stati Uniti, dell'UE e dei finanziatori del CMT nel Golfo.

L'UE dovrebbe usare il sostegno al Sudan per chiedere che le autorità diano priorità al governo civile e alla giustizia, oltre che alla ripresa economica. Ciò richiederà che il blocco si coordini con i partner internazionali del Sudan e spinga Hamdok ad adottare misure che lo rendano leader politico del paese. A breve termine, l'UE dovrebbe insistere pubblicamente affinché Khartoum porti senza indugio Bashir e altri presunti criminali di guerra dinanzi alla Corte penale internazionale. I diplomatici europei dovrebbero inoltre favorire sistematicamente le riunioni con i ministri civili e i rappresentanti del Consiglio Sovrano al posto di quelli con una formazione militare o paramilitare. In privato, dovrebbero incoraggiare Hamdok ad assumere un ruolo più prominente nei negoziati con i gruppi armati, in modo che possa raccogliere i benefici politici di qualsiasi accordo di pace. Stando dalla parte dei leader civili, l'UE dimostrerà di sostenere una pace e una stabilità durature in Sudan.