Ufficio di Roma - Rome Office


Riprendere il controllo: come i cittadini europei stanno lentamente guadagnando potere

Riprendere il controllo: come i cittadini europei stanno lentamente guadagnando potere


. (cropped) - CC BY 2.0

Il sito Politico Europe ha recentemente prodotto una delle molte classifiche di fine anno, "Le donne influenzano Bruxelles - classe 2018". È stato interessante vedere come, in un'Unione Europea ampiamente percepita come antidemocratica, i deputati europei fossero in cima alla lista. Tra questi, la cosiddetta "banda dei MEP tecnici" ha ottenuto il punteggio più alto. Questa "sorellanza", come li chiama Politico, include deputati influenti come Marietje Schaake, Eva Kaili, Mady Delvaux e Pilar del Castillo Vera.  Essi aiutano a definire le leggi europee su robot, blockchain, diritti di proprietà intellettuale e privacy. Queste donne sono temute nella Silicon Valley. Come anche in molte capitali europee.

È ironico come gli unici che non sembrino preoccuparsi di questa potente "banda" sono proprio gli elettori europei che dovrebbero rappresentare e nel cui nome conducono le loro feroci battaglie politiche. Molti europei non leggono Politico. Ciò che i deputati fanno - siano essi uomini o donne - non gli interessa minimamente. Bruxelles, per loro, è troppo lontana. Percepiscono "l'Europa" come un progetto d'élite: "riprendiamo il controllo".

È un peccato, perché le cose sono davvero cambiate negli ultimi anni. I cittadini associano spesso i deputati con un parlamento sdentato e costoso su cui nessuno ha alcun controllo, ma questa percezione è alquanto obsoleta. In base al Trattato di Lisbona del 2010, gli Stati membri hanno conferito all'UE ulteriori poteri in materia di relazioni esterne relativamente ad accordi commerciali, alla politica estera e alla posizione dell'UE all'interno delle Nazioni Unite. Anche il Parlamento Europeo ha acquisito maggiore potere in queste aree. Tutto ciò segue una logica democratica: se si porta la politica a un livello superiore, il controllo democratico dovrebbe venire di conseguenza. Sebbene tutt'altro che perfetto, il Trattato ha esteso la partecipazione democratica. E la "banda tecnologica femminile" ne ha fatto pieno uso. Facendo domande, proponendo bozze di proposte e presentando emendamenti a tali proposte, i deputati europei hanno influenzato, ad esempio, gli accordi sullo scambio di dati e sull'antiterrorismo con gli Stati Uniti in un modo che prima era impensabile.

Secondo un sondaggio dell’Eurobarometro pubblicato nel settembre 2018, solo il 41% dei cittadini europei sa quando si terranno le prossime elezioni del Parlamento Europeo (maggio 2019). Solo il 51% dichiara di esserne interessato. Un sondaggio condotto nell'aprile di quest'anno ha rilevato che "una grande maggioranza pensa che le persone si asterranno dal voto alle elezioni poiché "credono che il loro voto non cambierà nulla", "diffidano del sistema politico" o "non sono interessati". in politica o nelle elezioni in generale". L'assunto prevalente è che il Parlamento Europeo sia ancora inutile perché i cittadini "comunque non vengono ascoltati".

All'inizio di novembre, in una straordinaria conferenza inaugurale all'Università di Amsterdam, la professoressa di diritto europeo Christina Eckes ha contestato tale ipotesi. Eckes ha sottolineato come "mentre il trasferimento dei poteri all'UE limita l'autonomia unilaterale dei governi nazionali,  questo aumenta il controllo dei cittadini sull'UE rispetto agli aspetti centrali delle relazioni internazionali, come la conclusione di accordi internazionali." In altre parole: il trasferimento del potere a Bruxelles può indebolire gli Stati membri, ma dà potere ai cittadini. Perché? Perché ora il Parlamento Europeo ha un ruolo chiave nella negoziazione e nella messa a punto dei trattati internazionali. Di conseguenza, può esercitare un maggiore controllo sulle istituzioni che applicano questi trattati - dal momento che sono europei -  più di quanto possano fare i parlamenti nazionali. In questo modo, afferma Eckes, "l'integrazione europea consente ai cittadini europei di mantenere il controllo sulle politiche internazionali in un mondo globalizzato".

L'UE non è una democrazia perfetta, anzi. Ma l'idea che il deficit democratico in Europa sia enorme e statico è fuorviante. Nella sua conferenza, Eckes ha fatto riferimento al pensatore tedesco Jürgen Habermas, il quale ha operato una distinzione tra individui come cittadini dell'UE e cittadini nazionali. Ha sviluppato il concetto di "sovranità divisa" in cui gli europei possono agire in due modi: cittadini di stati nazionali e cittadini dell'UE.

Alcuni gruppi stanno riprendendo avidamente questa nozione di sovranità divisa. Uno di questi è il movimento paneuropeo Volt, che mira a incoraggiare i cittadini di ogni stato membro a votare nelle elezioni del Parlamento europeo del prossimo anno. Volt vede chiaramente l'aumentato potenziale in parlamento e vuole "cambiare il modo in cui la politica è fatta e plasmare il futuro dell'Europa". Ma molti cittadini non sembrano pronti per questo. Molti percepiscono la loro perdita di influenza attraverso i parlamenti nazionali, ma molti meno riconoscono in che misura l'influenza che hanno ottenuto attraverso il Parlamento europeo abbia compensato tutto ciò. Mentre a Bruxelles dove, nel loro nome, i deputati combattono battaglie politiche internazionali che i loro governi non possono più combattere da soli.

È nel Parlamento Europeo, e non nei parlamenti nazionali, che i funzionari dell'UE riferiscono su tutte le fasi della negoziazione e della conclusione dei trattati internazionali. Anche negli accordi di politica estera e di sicurezza comune, in cui i suoi poteri sono ancora piuttosto limitati, il Parlamento ha il diritto di essere informato. Può anche opporsi a controversi accordi internazionali o contestarli alla Corte di Giustizia Europea. È stato il Parlamento Europeo che, contro la volontà del Consiglio Europeo e della Commissione Europea, ha approvato un accordo Swift sul trasferimento dei dati finanziari ai servizi di intelligence statunitensi. E 'stato il Parlamento che ha fermato il Anti-Counterfeiting Trade Agreement, il megadeal sulla libertà di Internet con gli Stati Uniti. Allo stesso modo, i deputati hanno ricevuto informazioni sensibili sui negoziati transatlantici sul partenariato commerciale e di investimento con gli Stati Uniti dai co-legislatori del Consiglio Europeo e della Commissione Europea - informazioni che i parlamenti nazionali non avevano. I deputati possono in una certa misura anche dirigere i negoziati sulla Brexit perché sono vicini ai principali negoziatori a Bruxelles. I rappresentanti nazionali non hanno tale accesso. I deputati, non i parlamenti nazionali nei paesi dell'UE, voteranno l'accordo finale.

Eckes suggerisce come i cittadini abbiano anche guadagnato più potere a Bruxelles negli ultimi anni di quanto non abbiano perso a livello nazionale. Nei parlamenti nazionali i membri dei partiti di governo subiscono forti pressioni per proteggere gli interessi del governo piuttosto che quelli degli elettori. Nel Parlamento Europeo, questa pressione è molto meno pronunciata. Di conseguenza, i deputati al Parlamento Europeo sono relativamente liberi di concentrarsi sui contenuti. E sull'essenza del lavoro: controllo democratico. Contro tutte le probabilità, quindi, il Parlamento Europeo può, come sostiene Eckes, "affermare credibilmente di dare voce ai cittadini europei nelle relazioni internazionali che, con tutti i suoi difetti, attinge a una fonte di legittimazione democratica che è indipendente e separata dal Stati membri dell'UE. "Peccato che i cittadini non realizzino il loro potenziale politico come europei e continuino ostinatamente a considerarsi cittadini nazionali.

comments powered by Disqus