Ufficio di Roma - Rome Office


La promessa perduta del 1989

La promessa perduta del 1989


BERLINO - Dopo il crollo del comunismo in Europa nel 1989, molti sognavano di costruire un continente unito e libero con l'Unione Europea al suo centro. Ma 30 anni dopo, gli europei si sono svegliati con una nuova realtà. Nell'Europa occidentale, i leader politici pongono il veto all'ulteriore allargamento del blocco per paura che gli europei dell'Est non siano pronti ad abbracciare i valori liberali. E nell'Europa centrale e orientale, c'è un crescente risentimento nei confronti dell'Europa occidentale per la sua risposta all'immigrazione e ad altre questioni.

Queste dinamiche sono emerse questo mese nei turni di qualificazione per il Campionato europeo di calcio 2020, dove una partita tra Inghilterra e Bulgaria è diventata una gara tra due concetti fondamentalmente diversi di identità europea. La partita, svoltasi a Sofia, è stata interrotta due volte per mettere in guardia i tifosi della squadra di casa contro il comportamento razzista, compresi i saluti nazisti e i cori scimmieschi diretti ai giocatori inglesi.

Dopo la partita, l'opinione dell'élite britannica si è unita in una febbrile rettitudine morale contro la barbarie percepita da parte dei tifosi bulgari. Con il multiculturalismo che è diventato una parte centrale della storia nazionale britannica negli ultimi 30 anni, molte minoranze etniche sono preoccupate che il razzismo percepito dall'Europa continentale sia un ritorno ad un'epoca orribile di disuguaglianza ed esclusione.

Quindi, una delle ironie dell'episodio degli Europei di calcio 2020 è che viene citato come ulteriore prova a sostegno della decisione del Regno Unito di lasciare l’UE. Secondo il campo pro-Brexit, la fine dell’immigrazione automatica dall’Europa renderà più facile per le persone provenienti da India, Bangladesh, Pakistan e Caraibi stabilirsi nel Regno Unito.

Visto dalla parte bulgara, però, il proselitismo morale britannico appare ipocrita. Dopo tutto, gli immigrati bulgari e rumeni sono stati oggetto di retorica razzista durante la campagna del referendum sulla Brexit del 2016. E come molti media bulgari hanno sottolineato, gli hooligans razzisti dell’Inghilterra stessa sono stati i responsabili del disastro mortale dell’Heysel Stadium in Belgio nel 1985. Se il motivo alla base della Brexit è quello di preservare la quintessenza dell’inglesità, gli europei dell’est non rappresentano una minaccia maggiore del multiculturalismo.

In “The Light that Failed”, un brillante sguardo all’eredità del 1989, Ivan Krastev, dell’Istituto di scienze umane a Vienna, e Stephen Holmes, dell’Università di New York, sostengono che la caduta del muro di Berlino abbia segnato l’inizio di un’epoca di imitazione, piuttosto che “la fine della storia”. Quando i paesi dell’ex blocco sovietico dell’Europa centrale e orientale hanno iniziato a cercare di replicare la cultura, i valori e il quadro giuridico dell’Europa occidentale, chi sognava un’Europa libera e unificata aveva molto di cui essere felice.

Il problema è che milioni di persone in questi paesi si sono rese conto che se l’obiettivo era quello di diventare come i tedeschi o gli inglesi, sarebbe stato più facile trasferirsi in quei paesi, piuttosto che subire il doloroso processo di trasformazione delle loro società in simulacri di altri. Di conseguenza, un bulgaro su cinque – che comprende sproporzionatamente il segmento più liberale e meglio istruito della popolazione – è emigrato nell’Europa occidentale.

Come dimostrano Krastev e Holmes, chi è rimasto ha sempre più spesso paragonato le proprie prospettive non a quelle dei genitori, ma alla fortunata élite che è emigrata per vivere il sogno occidentale. Questo ha portato a diffusa frustrazione e rabbia verso la classe post-comunista dei riformatori liberali nell’Europa centrale e orientale. Queste élite orientate all’Occidente non solo non sono riuscite a soddisfare le aspettative irrealistiche dell’imitazione occidentale, ma hanno anche permesso un esodo di massa dei talenti.

Quando la crisi dei rifugiati scoppiata nel 2015, ha alimentato i timori di estinzione demografica tra le popolazioni autoctone dei paesi postcomunisti che rimangono. E come abbiamo visto negli ultimi anni, queste ansie hanno creato un ambiente politico ideale per politici populisti e nazionalisti illiberali come il Primo Ministro ungherese Viktor Orbán e il sovrano di fatto della Polonia, Jarosław Kaczyński.

“Mentre l’Est è ancora omogeneo e monoetnico”, scrivono Krastev e Holmes, “l’Ovest è diventato, come risultato di quella che i politici antiliberali considerano una politica di immigrazione sconsiderata e suicida, eterogenea e multietnica”. Di conseguenza, l’era dell’imitazione, con la sua tacita accettazione della superiorità occidentale, si è conclusa in modo decisivo.

Un analogo processo di riflesso culturale inverso è apparso nella partita di calcio inglese-bulgaro e nelle sue conseguenze. Entrambe le parti hanno dichiarato di essere moralmente sconvolte dalle azioni dell’altra parte. Mentre la Gran Bretagna è passata dal tollerare implicitamente il razzismo alla celebrazione del multiculturalismo negli ultimi 30 anni, ha anche sviluppato un certa allergia alla libertà di movimento proveniente dall’Europa centrale e orientale. La Bulgaria, al contrario, vuole rimanere nell'Unione europea, ma si è spaventata dall'ulteriore cambiamento demografico alimentato dall'emigrazione e dall'afflusso di nuovi arrivati dal Medio Oriente e da altrove.

La situazione sembrerebbe senza dubbio degenerata per un osservatore in visita dal 1989. Chi avrebbe mai pensato che la Gran Bretagna sarebbe fuggita dall'UE, o che coloro che la sostengono si sarebbero basati su un argomento a favore della diversità etnica? E quanti europei dell'Europa centrale e orientale avrebbero previsto che i loro governi avrebbero cercato di riadattare l'UE come progetto illiberale?

Come spesso accade, profondi cambiamenti storici tendono a manifestarsi prima nella cultura popolare, e solo in seguito nella politica formale. Ecco perché dovremmo guardare alla complessa eredità del 1989 non solo nelle celebrazioni formali che si tengono a Berlino, ma anche tra le tribune di uno stadio di calcio a Sofia.

La versione originale di questo articolo è apparsa su Project Syndicate il 31/10/2019