Ufficio di Roma - Rome Office


I pericoli della diplomazia della crisi: Italia, Cina e Russia

I pericoli della diplomazia della crisi: Italia, Cina e Russia

Kremlin.ru (cropped) - CC BY

Il gioco delle narrazioni riguardante l’Italia nella crisi covid-19 rappresenta un rischio per il progetto europeo.

Con il piano economico covid-19 dell'Unione Europea ora sul tavolo e il lockdown in Italia esteso fino ad inizio maggio, il Paese è appena entrato nella terza e più delicata fase del gioco di narrazioni.

La prima fase è iniziata a marzo con l'intensificarsi della crisi covid-19. In quel momento, la maggior parte dei leader politici italiani erano pronti a unirsi per combattere la diffusione del virus. Le eccezioni sovraniste sono state incarnate dal leader della Lega Matteo Salvini e dalla sua omologa di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, che hanno fatto largo uso della propaganda sebbene i partiti che rappresentano detengano solo il 22 per cento dei seggi nel Parlamento italiano.

In seguito, ad aprile, l'Italia è entrata nella seconda fase del gioco delle narrazioni: le manifestazioni di solidarietà. L'Italia è stata la prima a ricevere il sostegno medico dell'Unione Europea, dei suoi Stati membri, di Stati Uniti e, più visibilmente, Cina e Russia. In questa fase è iniziata la graduale polarizzazione del governo di coalizione italiano.

Da un lato, il Movimento 5 Stelle ha rafforzato la narrativa pubblica elogiando Cina e Russia per la loro amicizia e il sostegno agli italiani. Ad esempio, il partito ha dichiarato che il sostegno cinese fosse una ricompensa per il significativo impegno dell'Italia nei confronti dell'iniziativa cinese della Via della seta. Secondo il Movimento 5 Stelle, l'investimento dell'Italia nel progetto comune ha aiutato il Paese a reagire all'emergenza covid-19 in modo più efficiente.

Dall'altro lato, il Partito Democratico ha sottolineato la propria gratitudine verso Washington e Bruxelles, facendo sforzi per rafforzare le relazioni europee e transatlantiche dell'Italia. Senza negare il sostegno di Mosca e Pechino, il Partito Democratico ha sottolineato l'importanza della prudenza nelle lodi pubbliche che potrebbero mettere a repentaglio alcuni rapporti più forti e strutturati.

La seconda fase ha presentato diverse caratteristiche fondamentali. La Russia - tradizionalmente amica intima di politici italiani di destra come Salvini e l'ex primo ministro Silvio Berlusconi – è gestita ora direttamente dal movimento anti-establishment dei 5 Stelle e del centrista primo ministro Giuseppe Conte. Tuttavia, la situazione è diventata un po' confusa a causa della reazione tardiva e inadeguata del governo italiano a presunte minacce contro un giornalista de La Stampa del Ministero della Difesa russo. C'è una crescente discrepanza tra l'approccio di Roma alla Russia e la percezione pubblica del Paese: la maggior parte degli italiani non considera il Paese come il loro più grande amico. Ciononostante, il governo italiano - o almeno la metà di esso - ha incluso la Russia nella lista dei primi soccorritori degli appelli italiani alla solidarietà internazionale.

Un altro elemento chiave della seconda fase è il fatto che il Movimento 5 Stelle, unico artefice del ruolo di primo piano dell'Italia nella Via della seta, ha contribuito a far avanzare la narrazione della Mask Diplomacy di Pechino - secondo cui la Cina sta salvando altri Paesi fornendo forniture mediche. Mentre molte potenze occidentali esprimevano preoccupazione per la responsabilità della Cina nella diffusione globale del coronavirus, una metà del governo italiano si è trasformata nell’emblema dell'aiuto cinese all'Unione Europea e agli Stati membri. Ciò sembra riaffermare il ruolo del Movimento in quanto interlocutore privilegiato della Cina in Italia.

Infine, l'UE è emersa come la più grande perdente di questa fase, dimostrandosi inizialmente incapace di presentare una narrazione credibile su come la gestione europea della crisi covid-19 abbia protetto la salute e la sicurezza economica dei propri cittadini. Gli italiani difficilmente dimenticheranno la loro rabbia per le dichiarazioni preliminari della Presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde e della Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. Le conseguenze di ciò sono già molto visibili: Il 49 per cento degli italiani ora vuole che l'Italia esca dall'UE, con un aumento di 20 punti percentuali da novembre 2018.

Inoltre, secondo un sondaggio pubblicato nella prima settimana di aprile, il 36 per cento degli italiani ritiene che la Cina dovrebbe essere il principale partner dell'Italia nello sviluppo di alleanze al di fuori dell'UE, contro il 30 per cento favorevole agli Stati Uniti (il restante 34 per cento non è sicuro). Tra coloro che sostengono la Cina in questo ruolo, il 53 per cento ha votato per il Movimento 5 Stelle e il 45 per cento per il Partito Democratico; tra coloro che hanno sostenuto gli Stati Uniti, il 51 per cento sono elettori di destra.

Pertanto, la base elettorale della coalizione di governo favorisce le relazioni con la Cina rispetto a quelle con gli Stati Uniti. Gli italiani non sembrano più considerare la Russia un alleato credibile - forse perché il Salvini filo-russo ha perso il controllo del dibattito pubblico da quando ha lasciato il governo.

Ora che l'UE ha presentato il proprio piano economico, la politica italiana rischia di essere sempre più polarizzata. Il Partito Democratico continua a favorire fortemente le misure straordinarie che l'UE ha creato dal nulla, convinto che l'Italia non possa sperare in un maggiore sostegno economico o in concessioni da parte del blocco. Nel frattempo, i partiti sovranisti chiedono le dimissioni del ministro dell'Economia Roberto Gualtieri o addirittura dell'intero governo, descrivendo l'accettazione dell'accordo UE come un tradimento. E il Movimento 5 Stelle, che è stata la mano invisibile dietro la nomina a primo ministro di Conte, rimane diviso tra esponenti che lavorano dietro le quinte per stabilire una posizione italiana più dura ed esponenti pubblici e istituzionali che adottano un approccio più cauto all'accordo, come alcuni ministri del Movimento stesso.

La quarta fase inizierà probabilmente quando il governo metterà gradualmente fine al lockdown, con i cittadini che torneranno in parte alle loro vite precedenti e la classe politica italiana che valuterà l’efficacia della gestione della crisi covid-19 e il piano di ripresa economica dell'Italia. I leader italiani si troveranno presto ad affrontare un eccezionale J'accuse!, come si addice a tempi eccezionali. L'Italia potrebbe rimanere bloccata in un altro pericoloso gioco di narrazioni con implicazioni vitali non solo per il proprio futuro in Europa, ma anche per il progetto europeo stesso, già messo alla prova in questi giorni difficili. Eppure l'Europa può ancora giocare un ruolo importante nella quarta fase dell'attuale gioco di narrazione, parlando con una sola voce per superare il divario nord-sud e facendo della solidarietà il fondamento politico della risposta alle prove ancora da affrontare.