Ufficio di Roma - Rome Office


Elezioni americane di midterm: le conseguenze per l'Europa

Elezioni americane di midterm: le conseguenze per l'Europa

. (cropped) - CC BY 2.0

Oggi gli americani voteranno alle elezioni congressuali, un importante test per la presidenza di Donald Trump. La posta in gioco è alta: ne uscirà rafforzato e indebolito?

Sia negli Stati Uniti che in Europa, c’è grande attenzione per la possibile presa di potere dei Democratici durante le elezioni di metà mandato di novembre.

Come sempre, sotto la presidenza Trump, questa possibilità ha acquisito tutti gli elementi tipici di un grande dramma: personaggi avvincenti, una trama forte e set elaborati. Ma al di questa storia, qual è la posta in gioco per l'Europa?

Sfortunatamente, queste elezioni riveleranno ben poco di ciò che vogliamo realmente sapere: ovvero se la presidenza Trump durerà per un secondo mandato. Ma ci diranno qualcosa sulla politica estera dell'amministrazione Trump nei prossimi due anni

Immaginando il 2020

Gli Stati Uniti hanno elezioni nazionali ogni due anni – sia che ne abbiano bisogno o meno. La maggior parte delle democrazie attendono quattro o cinque anni prima di nuove elezioni.  I fondatori dell'America volevano che la legislatura fosse vicina al popolo e per questo istituirono diversi cicli di consultazioni con i cittadini. Tuttavia, oggi non è chiaro se il popolo americano abbia realmente qualcosa di nuovo da dire solo dopo due anni. La stragrande maggioranza dei seggi è sicuro(almeno 345 su 470) e solo l'11 per cento della dei cittadini ha espresso fiducia nel Congresso. Di conseguenza, l'affluenza alle urne è relativamente bassa: solo il 37% degli elettori nel 2014. Questa combinazione di indifferenza e disprezzo per il Congresso significa che le elezioni di medio termine sono ampiamente considerate come una semplice valutazione provvisoria del Presidente in carica.

Ma tutto ciò non è sufficiente a smorzare il fascino che generano all’estero. Il mondo intero è disperatamente interessato a sapere se l’inaspettata elezione di Donald Trump sia stata un'aberrazione - un momento di follia nella politica americana – o se abbia rappresentasse un passaggio permanente verso degli Stati Uniti più nazionalisti e insulari. Gli europei che vedono Trump come un'anomalia, pensano che basterà fare leva sui suoi  più sobri consiglieri per tentare di bilanciare i suoi peggiori impulsi. Mentre coloro che vedono Trump come un sintomo di un cambiamento più profondo nella politica americana, ritengono che l'Europa debba adattarsi all'idea di un'America che non si impegnerà ancora per molto nell'alleanza transatlantica.

Le elezioni del 2018 ci forniranno alcune convincenti prove in questo dibattito. Se i repubblicani manterranno il controllo del Congresso, ciò darà credito all'idea che gli Stati Uniti si stiano inesorabilmente allontanando dai valori internazionalisti che hanno a lungo sostenuto le sue strette relazioni con le nazioni europee. Se i democratici prenderanno il controllo anche di una sola camera del Congresso, le sale scommesse alzeranno le probabilità che un democratico prenderà la Casa Bianca nel 2020 e gli europei continueranno ad aspettare che passi il momento di Trump.

In realtà, entrambe le conclusioni sarebbero errate in quanto le elezioni di metà mandato non prefigurano il voto presidenziale. In queste elezioni, l'elettorato non è solo più piccolo rispetto a quello delle presidenziali, ma ha anche caratteristiche diverse. Questi elettori sono tendenzialmente più impegnati e più informati rispetto al più ampio elettorato. Inoltre, un minor numero di votanti indecisi partecipa a queste elezioni rispetto a quelle presidenziali. Pertanto, le elezioni di novembre ci daranno pochi indizi su come voterà chi è indeciso - e, soprattutto, come andrà a finire - nel 2020.

Fondamentalmente, queste elezioni non serviranno a predire il voto del 2020 poiché molto può ancora accadere nei prossimi due anni. Le presidenze americane sembrano seguire un certo modello, in quanto i nuovi presidenti tendono a perdere la loro lucentezza dopo i primi anni, subendo un duro colpo durante le elezioni di metà manato per poi riprendersi in tempo per la rielezione. In effetti, presidenti come Ronald Reagan, Bill Clinton e Barack Obama hanno sostanzialmente usato la presenza di un Congresso di opposizione per deviare su di questo tutta la colpa e sostenere le loro offerte per la rielezione. Basti pensare al presidente Trump accusare un Congresso democratico per tutti i tipi di mali con alacrità e talento.

Governo diviso e politica estera


Anche se le elezioni non risponderanno alle grandi domande sulle alleanze americane, avranno importanza per l'Europa a causa dei probabili effetti sulla politica estera americana. Il Congresso non ha più un ruolo diretto nella politica estera, ma l'intensa partigianeria e la mancanza americana di pressanti minacce alla sicurezza fanno sì che la politica estera degli Stati Uniti sia diventata per lo più una conseguenza della competizione tra Democratici e Repubblicani. E le elezioni di medio termine sposteranno la politica interna su una delle due traiettorie per almeno un paio d'anni.

Trump scatenato

Se i repubblicani manterranno il controllo del Congresso, Trump, come osserva David Leonhardt del New York Times, probabilmente vedrà la vittoria come una riconferma della sua popolarità e del suo approccio di governo. Tutto ciò lo spingerà a prestare ancora meno attenzione al buonsenso comune, ai media mainstream, ai suoi consiglieri e ai dettami della realtà. Nella politica interna, Leonhardt immagina che ciò significherebbe la fine dell'inchiesta Mueller, più tagli alle tasse per i ricchi e un rinnovato attacco all’Obamacare.

In politica estera, si ritiene che Trump marginalizzerebbe sempre di più i così detti “adulti nella stanza”, tra cui il Segretario alla Difesa, e capo degli adulti, James Mattis. Probabilmente il Presidente tornerebbe alle idee originarie di politica estera della sua campagna elettorale: sradicare il deficit commerciale americano e allontanare il paese dai suoi alleati tradizionali. Per l'Europa, questo comporterebbe una nuova fiammata nella lotta per le tariffe punitive statunitensi e forse ad un'inversione della tendenza verso l'aumento della presenza militare americana in Europa orientale e in Afghanistan.

Trump indebolito

Se i repubblicani perderanno il controllo del Congresso, Trump sarà più vincolato ma anche più arrabbiato - persino sconvolto. Il suo già apparente senso di vittimismo diventerà solo più acuto, trovando un nuovo sbocco nella condanna di un Congresso democratico che passerà la maggior parte del suo tempo a indagarlo e, probabilmente, ad accusarlo.

Gli ultimi presidenti degli Stati Uniti sono entrati in ufficio con l'intenzione di lasciare il segno sulla politica interna. Ma, dopo un anno o due, hanno scoperto che i poteri nazionali della presidenza sono limitati (in particolare quando il partito avversario controlla il Congresso). In genere finiscono per ritirarsi nella politica estera, dove la loro influenza è vasta e possono sperare di ottenere "vittorie" nette.

Nella sua ricerca di vanità in politica estera, Trump punterà non tanto sulla coerenza con le sue posizioni passate quanto sue inequivocabili vittorie televisive. Come molti presidenti prima di lui, probabilmente vedrà le compagne militari straniere come potenziali opportunità politiche. La ricerca dimostra che un governo diviso negli Stati Uniti - in particolare quando la Camera ma non il Senato è nelle mani dell'opposizione – è fortemente correlata ad una maggiore probabilità che il Presidente possa usare la forza all'estero. Questo tendenzialmente non si traduce in una grande guerra, ma piuttosto in un piccolo ma discreto intervento che potrebbe portare a una rapida vittoria. Infatti, l'invasione politicamente riuscita di Reagan di Grenada nel 1983 fornisce un chiaro modello di questo tipo di operazione.

Ovviamente, un Trump indebolito troverà probabilmente altri modi imprevedibili per mostrare le sue carte in politica estera. In ogni caso, con un governo diviso, Trump sentirà la necessità di scagliare i suoi giocattoli nel parco giochi della politica estera (impiegare tutte le sue forze nel campo della politica estera). E l'Europa è uno dei suoi giocattoli più brillanti. Se le elezioni rafforzeranno il presidente o se lo lasceranno indebolito, i prossimi due saranno almeno altrettanto interessanti dei due precedenti