Ufficio di Roma - Rome Office


Dopo Qaboos: Il futuro dell'Oman e della geopolitica del Golfo

Dopo Qaboos: Il futuro dell'Oman e della geopolitica del Golfo


Il contesto frammentario del Golfo indica che il nuovo sovrano dell'Oman potrebbe presto trovarsi a emulare il suo predecessore e a promuovere il dialogo diplomatico regionale.

La morte del sultano Qaboos bin Sa'id al-Sa'id nelle prime ore dell’11 gennaio non poteva capitare in un momento più difficile per l'Oman che in un periodo di rinnovata escalation tra Stati Uniti e Iran.

Il sultano Qaboos è stato governatore dell'Oman per 49 anni e ha acquisito la reputazione di uno dei più dediti ed efficaci promotori della diplomazia nel Golfo. Nel corso del suo governo si è ritagliato una posizione unica per il suo Paese in questa instabile regione. Si è impegnato a mantenere le relazioni con l'Iran prima e dopo la Rivoluzione islamica e a sostenere il dialogo tra Teheran e Washington, così come tra Teheran, Riyadh e le altre capitali delle monarchie del Golfo. Negli ultimi tempi, l'Oman ha offerto i propri uffici ai negoziati per l'accordo nucleare con l'Iran del 2015, e si è impegnato a fornire un canale secondario dopo che Donald Trump si è ritirato dall'accordo nel maggio 2018.

Sotto il sultano, l'Oman si è tenuto a distanza dalle forme di polarizzazione emerse in tutta la regione dopo la primavera araba, che contrapponeva i sunniti agli sciiti e gli islamisti sunniti agli anti-islamici. L'Oman è rimasto neutrale nelle guerre in Yemen e Libia: ha mantenuto relazioni diplomatiche con il regime di Bashar al-Assad in Siria e non si è schierato nel boicottaggio politico e nell'embargo economico del Qatar. Il sultano Qaboos aveva a cuore l'adesione dell'Oman al Consiglio di cooperazione del Golfo (Gulf Cooperation Council, GCC), ma nel 2013 ha allontanato in modo efficace e rumoroso le prospettive di un'Unione del Golfo proposta dall'ex re dell'Arabia Saudita, Abdallah bin Abdulaziz al-Saud. Il sultano Qaboos voleva guidare uno Stato autonomo che desse priorità alla stabilità regionale. Egli vedeva l'assertività proattiva dell'Arabia Saudita e dei leader più giovani degli Emirati Arabi Uniti come avventata e dirompente.

Alla morte del sultano Qaboos, la differenza di approccio dell'Oman ha suscitato a Muscat la preoccupazione che i suoi vicini potessero approfittare del momento di vulnerabilità, anche interferendo potenzialmente nella scelta del successore. Il sultano non aveva eredi e così aveva messo a punto un processo per la scelta di un successore che prevedeva la riunione del consiglio di famiglia al potere per concordare un nome. Nel caso in cui non fossero stati in grado di farlo, aveva lasciato il suo suggerimento in due buste sigillate tenute in due luoghi segreti, che dovevano essere aperte solamente dal Consiglio di difesa del sultanato. Tuttavia, la famiglia reale è andata direttamente alla scelta del sultano Qaboos aprendo la lettera, e così Haitham bin Tariq al-Sa'id è diventato il nuovo sultano dell'Oman. Rapido e relativamente indolore, ha rappresentato una chiusura dei ranghi per proteggere la famiglia reale.

Tra i candidati più probabili da tempo, il sultano Haitham assomiglia a Qaboos per il suo carattere tranquillo e riflessivo e per aver trascorso i suoi anni formativi nel Regno Unito, dove ha frequentato all'Università di Oxford. Con un background in studi diplomatici e, a differenza di altri candidati, nessuna esperienza militare, Haitham ha ricoperto incarichi presso il Ministero degli Affari Esteri ed è diventato ministro della Cultura e del Patrimonio nel 2002. Nel 2013 è diventato presidente del comitato che ha sviluppato Oman Vision 2040, un piano per diversificare l'economia politica del sultanato lontano dal suo modello redditizio. Orientato agli affari e alla diplomazia, il nuovo sultano ha già promesso di preservare la tradizionale politica di "buon vicinato" dell'Oman, ovvero di sostenere la coesistenza pacifica tra la sponda persiana e quella araba del Golfo. Resta però da vedere se avrà la legittimità e il capitale diplomatico per perseguire attivamente questo obiettivo.

Haitham trarrebbe grande beneficio da queste qualità in questo momento, in seguito all'uccisione mirata del leader del Corpo delle Guardie della rivoluzione islamicha (IRGC), il generale Qassem Soleimani. All'interno del Consiglio di Cooperazione del Golfo, Soleimani era considerato un formidabile rivale ed era lo stratega responsabile delle politiche espansionistiche dell'IRGC. Le capitali del Golfo ritengono che nei prossimi mesi l'Iran potrebbe cercare di vendicare ulteriormente la sua morte, forse con operazioni asimmetriche segrete che si potrebbero svolgere con una plausibile negabilità. Il primo test del nuovo sultano sarà la sua capacità di esercitare un'efficace pressione su Teheran per ottenere la moderazione nei confronti di tutti gli Stati del CCG.

In alcune capitali del CCG, Riyadh, Abu Dhabi e Manama, la convinzione è che le ritorsioni potrebbero benissimo avvenire contro le risorse militari statunitensi nei loro territori, o anche contro obiettivi strategici non statunitensi. Potrebbero includere infrastrutture critiche come aeroporti e mega-eventi o le petroliere che attraversano lo Stretto di Hormuz. Infatti, con il Sultanato dell'Oman distratto a riorganizzare lo Stato intorno al nuovo sultano, Hormuz, la cui sovranità è condivisa da Iran e Oman, potrebbe essere particolarmente vulnerabile. Sia l'Arabia Saudita che gli Emirati Arabi Uniti sperano che i colloqui tattici che intrattengono con l'Iran dall'autunno 2019 riducano questi rischi.

Kuwait e Qatar hanno relazioni meno conflittuali e più pragmatiche con l'Iran ed è improbabile che siano in cima alla lista degli obiettivi di Teheran. Tuttavia, i loro governi sono ben consapevoli del fatto che potrebbero trovarsi tra una roccia e un luogo duro nel caso in cui scoppiasse un conflitto nel Golfo. Dall'uccisione di Soleimani, l'emiro del Qatar, Tamim bin Hamad al-Thani, si è recato una volta a Teheran. Con l'Oman concentrato sul sultano malato e sulla successione, è probabile che Doha abbia portato avanti gli sforzi diplomaci per la riduzione della tensione. Il Qatar ospita una base statunitense ad al-Udeid e quindi sta lavorando per preservare le relazioni con l'Iran che si sono approfondite quando Teheran è intervenuta per fornire vie alternative vitali alle esportazioni di energia del Qatar allo scoppio della crisi intra-CCG nel giugno 2017. L'emiro kuwaitiano, nel frattempo, si è spesso trovato d'accordo con il sultano Qaboos. Egli ha tranquillamente lanciato l'allarme di sicurezza nell'emirato, consapevole del fatto che il Kuwait, al confine con l'Iraq, ospita decine di migliaia di truppe statunitensi.

In questo contesto, gli Stati del Golfo mirano ad evitare un'ulteriore escalation, e sono anche sempre più dell'opinione che la politica iraniana degli Stati Uniti presenti solo marginalmente gli interessi dei suoi partner del Golfo. Per questo motivo, tutte le capitali del CCG, comprese quelle che sono più aggressive verso l’Iran, hanno rilasciato dichiarazioni nei giorni scorsi chiarendo che non sono state consultate sull'operazione Soleimani, né sono state avvertite in anticipo. Hanno invitato tutte le parti a dar prova di autocontrollo e a intraprendere un'azione di de-escalation. A ogni modo, che tutti lo riconoscano o meno, a un certo punto la regione del Golfo avrà bisogno di voci locali per sostenere un dialogo diplomatico regionale che risolva queste questioni in sospeso, e mediatori come l'Oman potrebbero essere ancora una volta quelli che lo porteranno avanti.