Ufficio di Roma - Rome Office


Dopo le proteste in Iran: come può l'Europa mantenere viva la diplomazia

Dopo le proteste in Iran: come può l'Europa mantenere viva la diplomazia


Washington utilizzerà i recenti disordini per andare contro  l'impegno dell’Europa con Teheran. Gli europei, guidati da Emmanuel Macron, dovrebbero gestire gli sforzi per una distensione.

Il Medio Oriente sta affrontando un'ondata di proteste, con gli ultimi disordini in Iran che si sono diffusi nel paese lo scorso novembre. Per il momento, una rapida repressione del governo, che avrebbe causato almeno 208 morti, ha posto fine alle proteste. L’oscuramento senza precedenti di Internet hanno portato a un incremento dell’informazione e il dibattito dall'interno, con osservatori che cercano di fare un bilancio di ciò che potrebbe significare per il paese. Anche se molto rimane non chiaro, l'episodio ha scosso la fragile nazione iraniana, ha indebolito il sostegno popolare all'amministrazione Rouhani, e ha ulteriormente complicato gli sforzi europei per ridurre le tensioni tra gli Stati Uniti e l'Iran.

Le proteste sono scaturite dopo che gli iraniani si sono svegliati con forti aumenti del prezzo del petrolio, pari a circa il 50 per cento, introdotti durante la notte a metà novembre. Lo stato iraniano da tempo sovvenzionava il carburante, sebbene i  funzionari iraniani sostenessero che fosse un passo necessario per affrontare il deficit di bilancio (duramente colpito dalle sanzioni statunitensi che hanno tagliato i proventi del petrolio) e per contrastare le organizzazioni di contrabbando illecito di carburante. Il nuovo approccio ha anche permesso di aumentare le sovvenzioni per i trasferimenti di denaro contante ai più poveri dell'Iran.

La mossa ha prevedibilmente provocato una grande rabbia tra i lavoratori iraniani a basso reddito, che a malapena arrivano a fine mese. La gente è immediatamente scesa in strada per esprimere la propria collera di fronte alla decisione e, più in generale, all'establishment politico. Simile all'ultima tornata di proteste in Iran tra fine 2017 e inizio 2018, la maggior parte di coloro che hanno partecipato sembravano essere giovani e provenienti da famiglie a basso reddito. Tuttavia, mentre i disordini del 2017 e del 2018 si sono protratti per un periodo più lungo e sono stati in gran parte pacifici, le ultime proteste sono state di breve durata, con segni di maggiore coordinamento tra coloro che sono scesi in piazza e un'azione dura da parte delle autorità statali in risposta.

Alcuni membri iraniani della comunità politica considerano la repressione da parte dell'apparato di sicurezza come il riflesso del panico e dell'ansia nell’establishment iraniano di sicurezza. Tuttavia, altri ritengono che lo Stato iraniano si sia sentito sicuro e forte nell'intraprendere queste azioni, che fosse pronto a comunicare la sua prontezza a mettere immediatamente a tacere qualsiasi minaccia seria e a introdurre uno stato di paura prima che le proteste si diffondessero ulteriormente.

Il periodo successivo alle proteste presenta sfide significative per la leadership iraniana. La repubblica islamica è ora una pentola a pressione, con un livello senza precedenti di dure sanzioni statunitensi che hanno causato gravi difficoltà economiche e il logorarsi del tessuto politico. Se le riforme economiche non sono vicine a superare la tempesta di sanzioni, affrontare la corruzione e dare sollievo alle famiglie iraniane, l'Iran dovrà probabilmente affrontare proteste periodiche con livelli sempre più elevati di repressione statale.

Per lo stesso Rouhani, le aspettative erano già basse riguardo alle elezioni parlamentari previste per febbraio. Ora, data la brutale repressione di queste proteste, è probabile che un numero crescente di membri della classe media iraniana che in precedenza aveva appoggiato il presidente eviterà la partecipazione politica. Inoltre, nell'ultimo anno, la fazione riformista iraniana, che si era alleata con la campagna presidenziale centrista di Rouhani, ha condotto un feroce dibattito sull'opportunità di candidarsi alle elezioni, data l'enorme delusione per il ritmo delle riforme. Gli eventi recenti non hanno fatto che intensificare questo dibattito. Ci si aspetta quindi che i sostenitori della linea dura facciano notevoli progressi in parlamento e rendano la vita molto più difficile per Rouhani nell'ultimo anno della sua presidenza.

L'indebolimento della posizione di Rouhani gli renderà ancora più difficile portare avanti qualsiasi forma di politica a favore della diplomazia nel suo ultimo anno. Il presidente ha ripetutamente dichiarato di essere aperto ai negoziati con gli Stati Uniti dati i giusti parametri, e lo ha ribadito dopo la fine delle recenti proteste. Potenti personalità all'interno dell'Iran, come la Guida Suprema e figure di spicco del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica, hanno respinto la possibilità di tali negoziati, ma Rouhani ha ancora qualche limitata munizione a sua disposizione. Lo dimostra il recente scambio di detenuti tra Iran e Stati Uniti; un piccolo ma notevole segno di successo diplomatico.

Il punto fino a cui Rouhani potrà andare avanti sarà influenzato non solo dalle dinamiche interne, ma anche dagli Stati Uniti e dall'Europa. La risposta delle autorità iraniane alle proteste complica l'ottica politica per i governi europei che cercano di fornire all'Iran un vantaggio economico per sostenere l'accordo nucleare, che ora è appeso a un filo conduttore. Inoltre, Washington probabilmente utilizzerà la repressione statale all'interno dell'Iran per impegnarsi doppiamente contro l'impegno europeo con Teheran, sostenendo che non ci sono attori moderati per il cambiamento all'interno della leadership iraniana.

Nonostante queste pressioni, i governi europei possono ancora trovare il giusto equilibrio sull'Iran. In mezzo alle proteste, l'UE ha chiesto all'Iran la "massima moderazione". Inoltre, l'appena nominato Alto Rappresentante dell'UE, in una severa dichiarazione ha chiesto "indagini credibili" sugli eventi. I governi europei possono anche considerare la possibilità di chiedere una sessione speciale al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite in modo da esercitare pressioni per indagini imparziali sull'uso della forza nelle recenti proteste sia in Iran che in Iraq.

Parallelamente, l'Europa dovrebbe continuare il processo per le prime transazioni attraverso lo strumento di sostegno agli scambi commerciali (INSTEX). Ciò dovrebbe essere radicato in un obbligo di diligenza nei confronti del popolo iraniano, cioè che l'Europa riconosca le gravi pressioni economiche esercitate sugli iraniani a seguito della re-imposizione delle sanzioni statunitensi. Gli europei devono continuare a porre l’attenzione sul facilitare un accesso più rapido ed economico di beni umanitari per il popolo iraniano. Se ciò può contribuire a prevenire un ulteriore disfacimento dell'accordo nucleare, non sarebbe un risultato negativo.

Una maggiore pressione interna combinata a una maggiore debolezza di Rouhani probabilmente spingerà l'Iran verso una posizione più conflittuale e ridurrà la capacità di Rouhani di perseguire soluzioni politiche. Gli Stati Uniti e l'Iran di recente si sono già due volte avvicinati pericolosamente al conflitto militare, in seguito alla caduta del drone statunitense in giugno e agli attacchi contro l'impianto petrolifero Aramco dell'Arabia Saudita in settembre. I funzionari dei servizi segreti statunitensi ritengono che l'Iran abbia incrementato le scorte di missili a corto raggio all'interno dell'Iraq, e i funzionari militari hanno avvertito di potenziali attacchi imminenti da parte dell'Iran. Se il paese continua ad essere soffocato economicamente dalle sanzioni statunitensi, continuerà a ritirarsi dall'accordo nucleare e ad alzare la posta in gioco nella regione.

Nel frattempo, è necessario che Emmanuel Macron porti avanti la sua iniziativa per ridurre le tensioni tra Teheran e Washington. Alti funzionari statunitensi hanno promesso di continuare la campagna di "massima pressione" e i suoi sostenitori vedranno probabilmente le recenti proteste come prova che la politica sta funzionando. Ma gli europei dovrebbero chiarire che questa politica ha finora fallito in termini di ammorbidimento della posizione dell'Iran sulle questioni nucleari e regionali ed è riuscita solo a spingere il paese in un maggiore stato di securitizzazione e di oppressione interna. Macron dovrebbe cercare di sfruttare rapidamente lo slancio politico positivo, e molto probabilmente di breve durata, dello scambio USA-Iran per convincere entrambe le parti che la diplomazia può dare risultati concreti e che è l'opzione preferibile rispetto a un altro ciclo di escalation.