Ufficio di Roma - Rome Office


Dopo il muro di Berlino: come la Germania sia diventata la nuova Svizzera

Dopo il muro di Berlino: come la Germania sia diventata la nuova Svizzera


Come molti tedeschi, ricordo esattamente dov'ero e cosa stavo facendo la notte in cui il muro è crollato a Berlino. Ero in città per discutere di Europa e di politica comunitaria tedesca con un gruppo di professori di storia americana all'Accademia Europea di Grunewald. Avevo viaggiato da Bonn a Berlino, piuttosto insolitamente in auto e con mia moglie a cui avevo promesso un fine settimana lì. Dopo il mio discorso e la cena da qualche parte a Berlino Ovest, siamo tornati all'accademia e l’abbiamo trovata vuota. Günter Renner, direttore degli studi e berlinese di nascita, aveva portato l'intero gruppo alla Porta di Brandeburgo per vedere il Muro di Berlino aperto. Naturalmente, anche mia moglie voleva andare. Ma per me assistere in diretta alla creazione storia del mondo sarebbe stato un po' troppo dopo una giornata lunga come quella, così le dissi brevemente con la mia saggezza da esperto di relazioni internazionali: "Se il muro è veramente aperto, sarà aperto anche domani mattina." E a me stesso dissi che sarebbe rimasto aperto per sempre, e tutto sarebbe cambiato.

Abbiamo trascorso il 10 novembre visitando i diversi valichi di frontiera, travolti dall'eccitazione di migliaia di tedeschi dell'Est che erano venuti da ogni angolo della RDT per arrivare a Berlino Ovest, se non altro per un giorno.

La mia analisi della sera prima poteva aver dato una risposta positiva alle mie esigenze individuali, ma anche la classe politica della Germania occidentale era inizialmente esitante riguardo agli eventi di Berlino, una reazione non priva di fondamento. Sebbene Mikhail Gorbachev fosse apparso critico nei confronti della dirigenza della RDT quando si era recato a Berlino qualche settimana prima per il quarantesimo anniversario della fondazione della Germania dell'Est, le sue osservazioni sulla vita che punisce coloro che arrivano troppo tardi posero qualche ambiguità sulla risposta sovietica. La caduta del simbolo più iconico della guerra fredda poteva scatenare una risposta militare sovietica? Oppure la soppressione del movimento civico da parte dell'esercito della Germania dell’Est poteva far sì che l'Unione Sovietica prendesse la situazione in mano? Entrambe le questioni vennero sollevate anche a Varsavia, dove la prima transizione negoziata e le successive elezioni portò al potere un governo postcomunista. Helmut Kohl, che si trovava in Polonia quella notte, si trovò di fronte a gravi preoccupazioni per gli eventi che stavano sfuggendo di mano nella Germania dell’Est e a Berlino. La prospettiva della riunificazione tedesca avrebbe potuto significare anche la fine del cammino della Polonia verso la democrazia, in quanto passo troppo lontano dall'ordine di Yalta.

In effetti, gli sviluppi sfuggirono di mano, e i piani dovettero essere costantemente riscritti, compreso il famoso programma in 10 punti di Kohl del dicembre 1989. La transizione nell'Europa orientale e la riunificazione della Germania arrivarono più velocemente di quanto ci si potesse aspettare e il Cremlino non vi si oppose. Nessuno dei vicini della Germania era entusiasta dell'unificazione, e sarebbero riusciti a ritardare o diluire il processo se solo Washington non avesse deciso di sostenere l'unità tedesca insieme a Mosca, che la sostenne per le opportunità che apriva.

Il desiderio francese di rafforzare i legami tra i membri della Comunità europea andò a buon fine con le idee tedesche su una moneta europea e un'unione politica. L'approfondimento dell'integrazione divenne il quadro europeo in cui si è svolta l'unificazione e, secondo la visione tedesca, ciò implicava che l'unificazione dell'Europa sarebbe avvenuta anche all'interno dell'Unione europea.

Con il tempo, però, sia l'approfondimento che l'allargamento dell'Unione Europea sono diventate più difficili, hanno richiesto più tempo e hanno suscitato più controversie del previsto. Oggi, un'unione politica non è stata ancora creata, l'allargamento è incompleto e gran parte dell'auspicata unità europea è stata persa nella contrattazione senza fine di un club variegato. E mentre gli europei lottavano con questo adattamento, il mondo ha continuato a cambiare. Nonostante gli sforzi per svilupparsi, il ritmo degli eventi ha tenuto gli europei chiaramente dietro la curva. Ci sono molte ragioni per queste debolezze, per il fallimento dell'integrazione europea come quadro per proteggere e promuovere la prosperità e la sicurezza degli Stati membri. E far progredire l'integrazione al di là del suo stato attuale, gestendo al tempo stesso l'eterogeneità delle diverse economie e società, pone oggettive difficoltà. Ma la verità è anche che l'Europa soffre di mancanza di impegno. Non mancano i discorsi e la grande retorica anche di alcuni dei leader di oggi, ma rimane una chiara assenza di obiettivo, di strategia e, soprattutto, di volontà politica e di capacità di agire.

L'AGENDA DELLA GERMANIA È PLASMATA DAL SUO PASSATO PIUTTOSTO CHE DAL SUO FUTURO.

Da nessuna parte d'Europa questa mancanza è più evidente e dannosa per l'Unione Europea che in Germania: la chiave dell'attuale stagnazione dell'Europa è infatti la preferenza di Berlino per lo status quo , che mantiene perché non crede che il cambiamento sia possibile. Nessun discorso che Emmanuel Macron potrebbe mai immaginare cambierà questo stato di cose. Nell’immaginario tedesco, la riunificazione ha completato un viaggio fatto di estremi: dalle guerre di unificazione guidate dalla Prussia 150 anni fa alla caduta della Germania imperiale nella prima guerra mondiale; dalla prima repubblica al regime nazista profondamente disumano e brutale. Da una devastante seconda guerra mondiale alla sconfitta totale, quel viaggio ha visto la disintegrazione della Germania e la fondazione di due stati tedeschi, il loro consolidamento e l'ascesa al successo economico e politico (che in termini relativi valeva anche per la posizione della RDT nel blocco orientale), e in definitiva la loro riunificazione in pace. "Einigkeit und Recht und Freiheit" (unità, Stato di diritto e libertà): queste tre missioni, descritte nel primo verso dell'inno nazionale, sono state realizzate nel corso dell'anno che ha seguito l’apertura del muro di Berlino il 9 novembre 1989.

Visto dall'anno 2019, i tedeschi hanno goduto un po' troppo a lungo del lieto fine del tumultuoso viaggio storico del loro paese. Dopo il 1990, i tedeschi si sono lasciati sfuggire l'illusione di essere una Svizzera più grande: ricca, sicura e al riparo dai conflitti. Nel frattempo, nella classe politica, impedire che l'UE cada a pezzi è diventato il mantra della difesa dello status quo. Il presente e il futuro della Germania in Europa, tuttavia, richiedono più azione, sia con mezzi nazionali o attivando a livello europeo. L'élite del paese risponde ora con le parole piuttosto che con i fatti, facendo commenti seri sulle responsabilità della Germania e sulla necessità di assumerle. Ma gran parte di ciò sembra essere guidato dall'impegno tedesco volto a non ripetere il passato, mentre il grande pubblico preferisce conservare ulteriormente l'attuale situazione favorevole, politicamente poco costosa ed economicamente redditizia, fintanto che è possibile.

In questi giorni, c’è una sorta di piacevole malinconia nell’aria di novembre a Berlino. La coalizione di governo dei democratici cristiani e dei socialdemocratici ha esaurito la sua agenda comune e di fatto attende la fine della legislatura nel 2021. Ma i tempi stanno cambiando, e il clima politico sta diventando più rigido; teniamoci quindi stretti al grande momento del 1989, perché è stato così commovente. Questo momento rimane l'evento formativo di molti dei principali attori politici tedeschi, in particolare di Angela Merkel. Nel periodo che precede il trentesimo anniversario, come in numerose altre occasioni, ha descritto come è cambiata la sua vita nella notte del 9 novembre. Sembra che senta l'obbligo di proteggere la conquista del 1989. Ma non vede che è stata la volontà di adottare un percorso diverso e di sviluppare un nuovo modello di governance nella costruzione dell'UE che ha contribuito a porre fine alla divisione tra Germania ed Europa.

All'inizio degli anni '90, le menti strategiche della diplomazia tedesca si aspettavano che il paese diventasse la nazione più potente d'Europa dopo la fine del secolo - un futuro a cui pensare sempre, ma di cui non parlare mai. Tre decenni dopo, l'attesa è diventata realtà, ma l'élite tedesca sembra essere profondamente incerta su cosa farne. Non ha idea del futuro, non ha idea di cosa vuole l'Europa o di come costruirla, e non ha idea di come rispondere al ritorno della politica di potere.

Confesso di sentirmi stanco questo novembre 2019, anche se per motivi molto diversi da quelli del 1989. L'evasione nel nostro passato, la riluttanza della Germania a prendere nelle nostre mani il destino comune europeo; tutto questo mi logora. La mancanza di senso dello scopo del paese diminuisce il potenziale di potere di cui dispone. Berlino è diventata esperta nel valere meno delle sue possibilità. Questo piace a coloro che al di fuori del paese non vogliono vedere la Germania plasmare l'Europa, e piace a coloro che all'interno del paese preferiscono non fare alcuno sforzo. In un momento critico della politica mondiale che potrebbe anche rivelarsi un punto di svolta per l'integrazione europea, questa Germania sovrappeso e poco energica sta contemplando il suo ombelico storico ed è diventata un peso per l'Europa - ma un europeo non è in grado di andare avanti senza di lui.